Urbanistica INFORMAZIONI

L’urbanistica nelle Università

a cura di Sara Maldina

Politecnico di Torino

Sewing a small town
19 luglio 2017 - 27 luglio 2017

The 2017 edition of SEWING A SMALL TOWN will focus on the socio-economic and architectural regeneration of two historical settlements on the hills near the city of Turin. The hilltowns of Bussolino and Bardassano represent two examples of a specific cultural way to build on and with territory. This region is also included in the UNESCO-MaB hill named “Collina Po Man and Biosphere Reserve”.
The projects of the summer school will deal with architectural and territorial issues according the two respective scales: the regional scale will draw up a simplified territorial plan in order to set the connections of the two hilltowns with Gassino Torinese, Chivasso and Turin; the architectural scale will focus on the reuse of several buildings according to the existing situation by investigating the delicate relationship between innovation and conservation of the built forms.

SEWING A SMALL TOWN is open to a maximum of 30 participants, students or graduates in architecture (Bachelor or Master), Ph.D. students and architects less than thirty years old, selected through the evaluation of curriculum vitae, motivation letter and portofolio by a scientific committee. The activities consist of theoretical evening courses and a design workshop.

By April 30, 2017, through the online submission procedure available, applicants are requested to send a PDF file, max 10 MB, including a CV, a motivation letter and a portfolio, making sure to include the following mandatory information: name, surname, date of birth, educational background, email address, home address, phone number, Skype contact.

Gassino torinese
Temi:
59/80
11/80
80/80
24/80

Università "La Sapienza" di Roma

International Seminar on Urban Form (ISUF)
23 febbraio 2017 ore 08:30 - 24 febbraio 2017

Terzo congresso internazionale della sezione italiana dell’ISUF (International Seminar on Urban Form) sul tema del progetto contemporaneo e la città storica. Studi e ricerche per il progetto Architettonico. 
Partecipano: prof. Pierre Larochelle (Univ. Laval – Quebec city), prof. Franco Purini
 
Inaugurano i lavori il prof. Anna Maria Giovenale, prof. Orazio Carpenzano e prof. Giuseppe Strappa
 
Direzione scientifica: Paolo Carlotti, Anna Irene Del Monaco e DIna Nencini
 
Organizzazione Anna Rita Amato, Vincenzo Buongiorno e Antonio Camporeale.

Piazza Fontanella Borghese, 9 - Roma
Temi:
30/38
11/38
38/38
28/38
6/38
15/38

Università "La Sapienza" di Roma

3rd ISUFitaly International Congress
LEARNING FROM ROME. Historical Cities and Contemporary Design
23 febbraio 2017 - 24 febbraio 2017

The results of research in urban morphology describe historic cities as urban organisms whose survival, transformation and management needs design-based complex actions to be investigated by analytical tools integrating different knowledge.
Architecture, History, Geography are speculative discipline and provide useful tools to properly direct architectural projects, whether they are conceived or not in continuity with the urban and architectural language of the traditional existing context.
Preserve and renovate the historic cities and the historical urban tissues should be a new focus of urban policies and of those entrepreneurs and conservation professionals which have identified the abandonment of these urban realities as the emerging political and economic dynamics.
The scope of the conference is to collect studies, research, design and methodological reflections on contemporary architecture, urban contexts and historical building, directing the outcome to the definition of operational tools useful for a aware and contemporary design.
In recent years the reuse, the recovery, the architectural transformation of urban fabric are among the most practiced topic of the international architectural culture based both on open interpretations or limited to the aspect of conservation.
The conference will be an opportunity to discuss on contemporary design in the historic city, on tools and research methods to be applied to these architectural dynamic realities, and on operational tools used for designing such meaningful anthropological spaces.

Facoltà di Architettura, Piazza Borghese 9, Rome, ITALY
Temi:
30/38
11/38
38/38
28/38

Politecnico di Torino

Cartografia, servizi e uso di software open source
17 febbraio 2017 ore 09:15

La rappresentazione cartografica della realtà è un elemento indispensabile per la programmazione e pianificazione territoriale e per la progettazione di opere civili ed industriali. Il suo aggiornamento (o aderenza alle condizioni attuali) è condizionato da una serie di fattori: dalle dinamiche di evoluzione del territorio (aree urbanizzate ed infrastrutture e modellamento naturale), dalla “velocità” con la quale tali informazioni giungono all’Ente cartografico preposto e dal suo assetto organizzativo, oltre che dalle modalità di produzione.

I cinque Enti cartografici dello Stato (Istituto Geografico Militare, Istituto Idrografico della Marina, Sezione fotocartografica dello Stato Maggiore dell’Aeronautica, l’Amministrazione del Catasto e dei servizi tecnici erariali ed il servizio geologico) sono deputati alla produzione cartografica ufficiale ma ormai di fatto anche le Regioni producono cartografia cosiddetta "autoritativa”, cioè ufficiale e di riferimento ad esempio per i procedimenti amministrativi di cui le Regioni sono titolari.
Il corso si propone di fornire elementi conoscitivi circa il corretto utilizzo dei prodotti cartografici ad oggi esistenti sul territorio nazionale, focalizzando l’attenzione soprattutto sul territorio piemontese ove esistono realtà avanzate di produzione dell’informazione geografica.

Il corso è indirizzato a professionisti, anche neo laureati, che proseguono gli studi o che svolgono la loro professione presso enti pubblici o privati e che operano nei campi del territorio, dell’ambiente e delle infrastrutture

Politecnico di Torino - corso Duca degli Abruzzi 24, Torino

Politecnico di Torino - corso Duca degli Abruzzi 24, Torino

Temi:
9/9

Sapienza - Università di Roma

Workshop di progettazione presso la Xi’an Jiaotong-Liverpool University, Suzhou
17 febbraio 2017 - 4 marzo 2017

 
Il tema proposto dalla Xi’an Jiaotong - Liverpool University in collaborazione con il Suzhou Planning Bureau sarà relativo ad una zona del centro tradizionale della città. Benché una buona porzione del tessuto urbano storico sia rimasto inalterato o comunque meno modificato rispetto alla gran parte delle altre grandi città della Cina, la pressione demografica e di urbanizzazione è tale da rappresentare un serio rischio per la sopravvivenza delle aree che ancora oggi conservano, almeno in parte, un carattere tradizionale. Il centro di Suzhou possiede un carattere particolare, derivato dall’importante presenza dei canali d’acqua e dalla ricca vegetazione che da questi dipende, nonché dalla consistenza e densità delle costruzioni, in larga parte ancora legate allo sviluppo storico della città. Benché le autorità locali abbiano imposto severi vincoli rispetto alle operazioni del costruito la minaccia di sostituzione del tessuto sociale è molto forte, fenomeno che sta purtroppo investendo con particolare intensità molti dei centri cittadini cinesi, vittime di imponenti processi di gentrification. 
Gli studenti lavoreranno in gruppi misti con colleghi delle altre quattro università partecipanti (University of Liverpool, Politecnico di Torino, Technische Universität Graz, ENSA Paris Val-de-Seine) e sotto la guida di un docente per lo sviluppo di una “visione” di rigenerazione urbana, che rappresenti una proposta architettonica per un futuro possibile della città di Suzhou. I progetti dovranno pertanto considerare la situazione esistente, la consistenza del costruito storico, le esigenze di conservazione, la particolare configurazione dello spazio urbano di Suzhou, nonché le possibili strategie sul piano processuale perché la trasformazione non si esaurisca in una mera operazione di maquillage urbano. 

Temi:
80/80
38/80
28/80

Sapienza - Università di Roma

Rete ecologica e strategie di rigenerazione urbana e territoriale
16 febbraio 2017 ore 16:30 - 19:30

Il 16 febbraio 2017 si svolgerà presso l’Aula Piccinato del Dipartimento di Pianificazione, Design e Tecnologia dell’Architettura, il Seminario "Rete ecologica e strategie di rigenerazione urbana e territoriale" di inaugurazione dell’AA 2016-2017 della Scuola di specializzazione in Beni Naturali e Territoriali della Sapienza Università di Roma. Il Seminario avrà inizio alle ore 16.30 e si concluderà alle 19.30.
In coerenza con la strategia di riequilibrio metropolitano e rigenerazione ecologico-ambientale prevista dal PRG di Roma, la Scuola di Specializzazione in Beni naturali e territoriali della Sapienza Università di Roma individua come tema di approfondimento per l’AA 2016-2017 la costruzione della Rete ecologica comunale, che rappresenta la componente strutturale per la riconnessione dei sistemi ad alta naturalità che connotano i grandi spazi aperti del territorio romano, come le Aree naturali protette, per la valorizzazione e gestione dei paesaggi di valore storico-identitario e per la rigenerazione degli spazi naturali più interni al contesto urbanizzato.
Su questo tema, oltre al Direttore della Scuola Laura Ricci, interverranno Vito Consoli (Direttore Direzione Regionale Ambiente e Sistemi Naturali della Regione Lazio), Maurizio Gubbiotti (Presidente RomaNatura), Pierluigi Capone (Vicepresidente Associazione Italiana Direttori e Funzionari Aree Protette), Paola Falini (Docente Scuola di Specializzazione in Beni Naturali e Territoriali). Al Seminario prenderanno parte anche i Docenti del Collegio della Scuola di Specializzazione in Beni Naturali e Territoriali. 

Dipartimento PDTA Via Flaminia, 72, Roma
Temi:
59/59
4/59
23/59
6/59
15/59

Università Iuav di Venezia

Taking Care  
Progettare per i beni comuni
14 febbraio 2017 - 21 febbraio 2017

video-loop con i progetti, selezionati dai curatori TAMassociati, per il Padiglione Italia alla XV Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

Aula 5 , Cà Tron, Venezia
Temi:
80/80

Politecnico di Torino

Studiare le montagne. Progetti editoriali e scientifici per le alpi contemporanee
13 febbraio 2017 ore 16:30

Sempre più numerosi sono i progetti di ricerca scientifica e i prodotti editoriali che indagano le trasformazioni insediative, architettoniche, sociali e culturali in atto sul territorio alpino.
Come si inquadrano questi lavori nella più ampia cornice delle politiche trasnazionali per lo spazio alpino?
Come si intercettano i temi chiave dello sviluppo locale e della trasformazione fisica dei luoghi?

Si propongono alcuni incontri di presentazione e discussione di alcune recenti opere di ricerca e di divulgazione scientifica per comprendere la rappresentatività e l’efficacia di questi progetti in relazione alle opportunità e alle problematiche delle terre alte.

Castello del Valentino Viale Pier Andrea Mattioli, 39 - 10126 Torino
Temi:
59/59
30/59
24/59

Università Iuav di Venezia

Walkable Cities in China: liveable, healthy, sustainable
6 febbraio 2017 - 24 febbraio 2017

curated by: Maria Chiara Tosi, Mirna Zordan, Caterina Villani, Silvia Maroso, Alex Pellizer
 
in collaboration with: CAUP Tongji University, Maroso Contruction

scientific coordinators
Aldo Aymonino, Marco Ferrari, Stefano Munarin, Maria Chiara Tosi, Margherita Turvani, Università Iuav di Venezia
 
Lan Wang, CAUP Tongji University
 
Gianni Talamini, City University of Hong Kong
 
master degree thesis: Mirna Zordan, Caterina Villani, Silvia Maroso, Alex Pellizer

Cotonificio, Santa Croce, 191 - Venezia
Temi:
80/80
11/80

Politecnico di Torino

Temporary urbanism
19 gennaio 2017 ore 17:00

La conferenza affronta una nuova tendenza dell’urbanistica contemporanea volta a facilitare la partecipazione degli abitanti per far emergere un progetto condiviso per la trasformazione di spazi sia urbani che rurali: il pop‐up urbanism o urbanistica temporanea. Le recenti esperienze di questo tipo, condotte in varie realtà francesi da alcuni collettivi di giovani architetti, permettono di esplorare l’aggiornamento oggi in corso delle pratiche urbanistiche partecipative.

Presenta: Claudia Cassatella
Angelo Bertoni, Temporary urbanism ( Institut d’Urbanisme et Amenagement Regional Aix-Marseille Universitè)
Ne discute: Marco Santangelo

Sala della Caccia, Castello del Valentino - Viale Mattioli,39, Torino
Temi:
38/38
28/38

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 19